Antonio Petrini, San Pietro

25,000.00

Categoria:

Antonio Petrini

(Carona 1677 – 1759)

Saint Peter

Oil on canvas cm. 75,5 x 63

Expertise  Prof. Giancarlo Sestieri.

Notes :

Born in Canton Ticino in Carona, Petrini started his career as a painter at a very young age, moving to Genoa in the workshop of Bartolomeo Guidobono and later to Turin where he came into contact with the darkly fascinating inventions of Giovan Battista Piazzetta and Francesco Solimena active in the Savoy capital.

Our San Pietro is part of a series of isolated and austere figures that Petrini loved to represent since the early eighteenth century. In our work, his way of "painting in an experimental way" is evident, amalgamating the "severe" experiences of the seventeenth century with the more open ones of the eighteenth century. Stylistic comparisons can be made with the "San Francesco" which is in a private collection in Montagnola (Lugano) and the "Socrate" which is located in Genoa, Accademia Ligustica, published in the catalog of the exhibition also held in Lugano in the Villa Malpensata curated by Rudi Chiappini.

Reference Bibliography: Catalog of the exhibition, “Petrini”, Giuseppe Antonio Petrini, edited by Rudy Chiappini, Lugano Villa Malpensata, 14 September - 24 November 1991. Page 20 Fig. 1. Page 21, Fig 2.

S.L.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Antonio Petrini

(Carona 1677 – 1759)

San Pietro

Olio su tela cm. 75,5 x 63

Scheda di Prof. Giancarlo Sestieri.

Note :

Nato in Canton Ticino a Carona, Petrini si avvia giovanissimo alla carriera pittorica spostandosi a Genova nella bottega di Bartolomeo Guidobono e più tardi, a Torino dove entra in contatto con le invenzioni dal fascino tenebroso  di Giovan Battista Piazzetta e Francesco Solimena all’epoca attivi nella capitale sabauda.

Il nostro San Pietro fa parte di una serie di figure Isolate e austere che Petrini amava rappresentare fin dai primi anni del settecento . Nella nostra opera  è evidente il suo modo di “dipingere in maniera sperimentale” amalgamando le esperienze “severe” seicentesche a quelle più aperte del settecento. Paragoni stilistici si possono fare con il “San Francesco” che si trova in  collezione privata a Montagnola (Lugano) e  al “Socrate” che si trova a Genova, Accademia Ligustica, pubblicati nel catalogo della mostra tenutasi sempre a Lugano nella Villa Malpensata  curata da Rudi Chiappini.

Bibliografia di riferimento:

Catalogo della mostra, “Petrini” , Giuseppe Antonio Petrini, a cura di Rudy Chiappini, Lugano Villa Malpensata, 14 Settembre - 24 Novembre 1991. Pagina 20 Fig. 1. Pagina 21, Fig 2.

S.L.

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Antonio Petrini, San Pietro”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *